Colonna cervicale

Prolasso del disco della colonna cervicale

I Circa il 20 % di tutti i prolassi ha luogo nella colonna cervicale. Come nel caso della colonna lombare, spesso si avverte un dolore molto acuto al braccio, non di rado collegato a insensibilità e debilitazione. Ciò è dovuto alla mancanza di spazio e quindi a uno schiacciamento del disco sul nervo. Sono particolarmente pericolosi i grandi prolassi che, essendo in mezzo, possono portare a uno schiacciamento del midollo spinale. Qui, nella maggior parte dei casi, è necessaria un’operazione immediata. Soprattutto nella colonna cervicale si nota che il prolasso si indurisce e si calcifica velocemente producendo parti dure che raschiano contro il nervo in modo cronico e di conseguenza lo logorano. Anche in questo caso, se i disturbi permangono a seguito di varie terapie, si può pensare a una decompressione chirurgica.

 

Risonanza magnetica nucleare (RMN):
Prolasso del disco nella
colonna cervicale

Restringimento dei canali dei nervi (stenosi foraminale)

Il restringimento dei canali dei nervi si manifesta in modo isolato in molti pazienti, quando ci sono delle gravi modificazioni degenerative che spesso di per sé non provocano disturbi. Lo schiacciamento genera una locale irritazione delle radici nervose, che provoca un dolore ischiatico al braccio. Nei casi peggiori si verifica anche insensibilità e talvolta una certa debilitazione. Un prolasso del disco si riconosce solo attraverso le immagini. Non di rado si generano prolassi combinati con stenosi foraminali.

 

 

Tomografia computerizzata
(TC):
Stenosi foraminale
della colonna cervicale
nella parte destra
Computertomographie (CT): Halswirbelsäule mit rechtsbetonter beidseitiger Foramenstenose

Stenosi della colonna cervicale e degenerazione del disco

Nella colonna cervicale, oltre alla degenerazione e ai disturbi del disco, si aggiungono spesso dei rigonfiamenti ossei e delle ernie, poiché la natura tende a proteggere le parti lese o doloranti. Questi rigonfiamenti ossei però possono portare a un restringimento del canale spinale (stenosi) e/o dei canali dei nervi (stenosi foraminale). Dopo aver controllato i reperti, le radici dei nervi o il canale spinale con il midollo devono venire liberati con un intervento chirurgico per riacquistare spazio. A seconda del reperto, si può operare da davanti o da dietro.

 

Stenosi ossea della colonna cervicale
(frecce rosse)
Risonanza magnetica nucleare (RMN):
degenerazione del disco C5/C6
Kernspintomographie (MRT): Degeneration der Bandscheibe C5/C6

Mielopatia cervicale

In questo caso si tratta di una lesione da schiacciamento cronico del midollo spinale, che può portare a disturbi di deambulamento, debolezza delle braccia e delle gambe fino alla paraplegia. Quando si presentano i sintomi della mielopatia cervicale, è necessaria una rapida decompressione del midollo spinale per evitare ulteriori lesioni. Nella maggior parte dei casi sono necessari interventi da davanti, durante i quali cerco di inserire, se possibile, protesi che permettano il movimento, invece di supporti rigidi che impediscono il movimento.

 

Mielopathia cervicale (frecce verde)
Hernia del disco (freccia rossa)

 

Seite drucken


Comments are closed.